Ciucci – Magi – Bartolucci seconda metà ‘800 – seconda metà ‘900

La documentazione riguarda le famiglie Ciucci, Magi, Bartolucci unite tra loro da legami di parentela oltre che da affari.

Il materiale più antico, risalente alla seconda metà dell’800, è stato prodotto dalle famiglie Ciucci e Magi: riguarda la gestione e le eredità dei possedimenti Ciucci siti in Villa San Zeno a Poggio, Petriolo, San Pietro a Monte (compravendite, iscrizioni ipotecarie, ricevute, crediti, conteggi raccolti, note spese) ed i rapporti che i Ciucci avevano con la famiglia Magi (scritture private, citazioni, rogiti, eredità testamenti, liti per confini).

Di epoca più recente, seconda metà del ‘900, è la documentazione della famiglia Bartolucci riguardante l’amministrazione dell’azienda agraria fondata da Bartolucci Andrea e gestita, alla sua morte, dalla vedova Magi Angiolae dai figli.

L’attività dell’azienda, di notevoli dimensioni, si basava sull’allevamento di bovini e suini e sulla coltivazione di terreni (tabacco, grano e granoturco) siti nelle località di Morra, Molinazzo, Badia Petroia, Prato, Monte Santa Maria Tiberina, Coldischiano, Sant’Angelo Feano, Casaccia, Biane, Guerrieri, Badia; la gestione era affidata ai coloni come si evince anche dalla documentazione conservata (conti colonici, mensili, assicurazioni, etc.)

Tutto il materiale, che abbraccia un periodo che va dalla seconda metà dell’Ottocento alla seconda del Novecento, è stato condizionato all’interno di 5 faldoni.