Il libro riporta il testo integrale del diario scritto da Mario Gambuli durante la prigionia nei lager nazisti, nel periodo immediatamente successivo all’8 settembre 1943 fino alla fine della guerra.

Ufficiale, è stato deportato con i suoi soldati ed ha vissuto in 12 campi di concentramento dislocati tra l’Austria, la Polonia e la Germania, per quasi due anni in condizioni sempre più difficili man mano che il tempo passava, soffrendo la fame e il freddo, in condizioni igieniche disastrose.

Avrebbe potuto, in qualsiasi momento, aderire alla Repubblica Sociale Italiana e tornare a casa, ma ha preferito non venire meno a ciò in cui credeva. E’ la storia degli Internati Militari Italiani, che hanno combattuto la loro resistenza al pari dei partigiani, per la stessa causa, raccontata con ironia e grande forza.

Il libro evidenzia le scelte fatte da tutti i personaggi che vi sono ricordati, compreso il generale tedesco che si trovava in Corsica: perché va superata ogni visione ideologica e va recuperata la pura dimensione umana.

Autore: Mario Gambuli
Note editoriali: Petruzzi Editore; Patrocinio dell'Istituto di storia politica e sociale "Venanzio Gabriotti"
Città: Città di Castello